Commercialisti e Consulenti del Lavoro Bra | Studio Serfil Addio Certificazione Unica per Minimi e Forfettari - Novità e Aggiornamenti
Chiama: 0172 44872

Novità e Aggiornamenti

Novità e Aggiornamenti

04dic

Addio Certificazione Unica per Minimi e Forfettari

Visualizzazioni (75) |Torna indietro|

Addio Certificazione Unica per Minimi e Forfettari


Il panorama fiscale italiano si prepara a un'importante rivoluzione a partire dal 2025: il Consiglio dei Ministri ha approvato, il 23 ottobre 2023, due decreti attuativi della legge 111/2023, annunciando la fine dell'obbligo di rilascio della Certificazione Unica per i contribuenti minimi e forfettari.


Le Radici della Svolta


Il cambiamento è stato innescato dal conferimento al Governo della delega per la revisione del sistema tributario. Questa riforma mira a semplificare le procedure per i sostituti d'imposta, con particolare attenzione ai lavoratori che aderiscono al regime fiscale di vantaggio, noti come "contribuenti minimi" (art. 27, D.L. n. 98/2011) e al regime forfettario (art. 1 co. 54 – 89 della Legge n. 190/2014 e ss.mm.).


Il Ruolo dei Decreti Attuativi


All'interno dei decreti attuativi, nel Decreto Adempimenti, è stato stabilito un importante esonero per i sostituti d'imposta a partire dal 2025. Questo significa che non sarà più necessario rilasciare la Certificazione Unica relativa ai compensi dei lavoratori che aderiscono ai suddetti regimi fiscali agevolati.


Fatturazione Elettronica e Cambiamenti Futuri


La decisione è stata influenzata dall'estensione dell'obbligo di fatturazione elettronica, in vigore dal 1° gennaio 2024, anche per i lavoratori autonomi con ricavi inferiori a 25.000,00 euro. Questi ultimi, inizialmente esclusi dall'obbligo introdotto il 1° luglio 2022 per gli aderenti ai regimi fiscali agevolati, saranno ora coinvolti nel flusso digitale.


Autonomia dell'Amministrazione Finanziaria


L'amministrazione finanziaria guadagnerà autonomia nel raccogliere i dati relativi ai compensi attraverso i flussi che transiteranno nel sistema di interscambio. Questa informatizzazione dei flussi non solo semplificherà il processo, ma rafforzerà anche i poteri di verifica dell'Agenzia delle Entrate.


Scadenza dell'Obbligo


Fino al 2024, i sostituti d'imposta dovranno continuare ad attestare l'ammontare dei ricavi e dei compensi corrisposti nell'anno precedente, consegnando il modello sintetico di Certificazione Unica entro il 16 marzo e trasmettendo il modello ordinario all'Agenzia delle Entrate entro il 31 ottobre di ogni anno.


La svolta è in corso, e il futuro fiscale italiano si prospetta più snodato e digitale. La fine dell'obbligo di Certificazione Unica rappresenta un passo significativo verso una gestione più efficiente e moderna delle dichiarazioni fiscali. Restate con noi per ulteriori aggiornamenti su questa rivoluzionaria trasformazione. 

RICHIEDI UNA CONSULENZA

STUDIO SER.FI.L. S.R.L.

Il tuo commercialista di fiducia

Un team di professionisti, ognuno con competenze specifiche, per assistere le imprese e i professionisti, accompagnandoli nelle varie fasi di gestione dell'azienda e del suo sviluppo.

INFORMAZIONI

Indirizzo: Via Principi di Piemonte, 6 Bra
E-mail: info@studioserfil.it
P.Iva: 03675470045
Pec: serfil@pec.it
N. Rea: CN-308618

SOCIAL